Cos’è l’enuresi notturna? Perché è importante conoscerla?

Enūréō è una parola che deriva dal greco e significa: “urinare in”. L’enuresi notturna è lo svuotamento involontario della vescica durante il sonno: la “pipì a letto”.

 

 

come gestire enurei bambini

 

Secondo una indagine condotta dalla Società italiana di Pediatria, l’enuresi è una condizione molto frequente che interessa circa il 12-15% dei bambini e delle bambine intorno ai 5 anni, il 5% intorno ai 10 anni e circa l’1% dei ragazzi e delle ragazze dopo i 14 anni.

Le cause possono essere diverse e possono coesistere:

  • -Genetiche:nel 75% dei casi almeno un familiare ha sofferto di enuresi.
  • -Psicologiche: ambiente familiare conflittuale, lutto, malattia, abusi, separazione dei/lle genitori/trici.
  • -Fisiologiche:disfunzioni ormonali, sovrapproduzione di urina, iperattività del detrusore vescicale.

Fino ai 5 anni non vi è motivo di preoccuparsi. Il controllo degli sfinteri inizia intorno ai 18 mesi e termina tra i 3/5 anni. Quando gli episodi di enuresi notturna si presentano dopo i 5 anni, invece, è bene non sottovalutarli e informare il/la proprio/a pediatra per monitorarli.

Pur essendo una condizione frequente, nelle famiglie esistono ancora molte difficoltà sul tipo di approccio da seguire per tutta una serie di ragioni che coinvolgono gli stessi genitori e le stesse genitrici:possono, ad esempio, sentirsi troppo responsabili del problema o non sentirsi affatto responsabili del problema.

Ma come si sente un bambino o una bambina in questa condizione?

Vergogna, difficoltà nel dormire fuori casa, sonno disturbato, problemi scolastici, sono gli aspetti più frequenti per chi soffre di enuresi.

Senza contare lo stress che possono causare le terapie farmacologiche e comportamentali a cui, se necessario e su indicazione del medico curante, vengono sottoposti/e.

Chi vive questo tipo di condizione con i/le propri/e bambini/e sa che possono essere prescritti farmaci come l’imipramina (antidepressivo) o la desmopressina (ormone antidiuretico). Inoltre possono essere stabilite alcune regole comportamentali come le sveglie notturne o la riduzione di assunzione di liquidi dopo le ore 18.

Tutto questo, seppure in funzione del superamento di un problema, sottopone a uno stress psicologico e fisico (la tossicità dei farmaci è un fattore da tenere sempre presente).

Libri per l’infanzia che favoriscono la comunicazione in famiglia

Per sdoganare ogni tabù, nel libro “Leo” si parla di enuresi e di come, talvolta, “la pipì a letto”, possa essere il sintomo – e non “la malattia” – di qualcosa di più profondo a livello emotivo.

Ma a prescindere da quali possano essere le cause che solo uno/una specialista della salute può stabilire – è importante sapere che si tratta di una condizione da non sottovalutare perché mina quotidianamente l’autostima e la fiducia dei/lle nostri/e bambini/e. Avere un approccio sereno e – assolutamente – non punitivo può essere sicuramente d’aiuto. Una volta accertate le cause del disturbo – qualunque esse siano – valutare, in ogni caso, la possibilità di ricevere un supporto psicoterapico può essere di fondamentale importanza per imparare a gestire le emozioni coinvolte.

—-

APPROFONDISCI:

                                      >>Acquista il libro “LEO”<<<

 —-

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *